Christmas pudding

 1 dicembre 2001  oliopepesale.com

Dolce natalizio della tradizione inglese, è ricco di ingredienti che sono quasi una storia della East India Company.


Il Christmas Pudding è un dolce natalizio difficile e laborioso nella preparazione, arricchito a volte con delle monete d’argento da tre pence; è un piatto di aggregazione familiare.

ingredienti:

  • 100 g di grasso di rognone. Ci siamo capiti: è il grasso che avvolge i reni del bovino. Fate del vostro meglio per convincere il vostro macellaio a procurarvene, perché è un ingrediente importante. Se proprio non ce la fate, sostituitelo con il burro, ma non è la stessa cosa. Va grattugiato grossolanamente.
  • 50 g di farina con lievito (self raising), setacciata se necessario
  • 100 g di briciole di pane bianco; che siano buone, di casa o panetteria: evitare i pacchetti del supermercato
  • 1 cucchiaino da tè, raso, di mixed spice (il mixed spice include zenzero, cannella, chiodi di garofano, noce moscata e pepe di giamaica)
  • 1/4 di cucchiaino da tè di sale
  • 1 cucchiaino da tè di noce moscata appena grattugiata
  • 1 cucchiaino da tè di cannella appena grattugiata (grattugiate un "bastoncino" di corteccia arrotolata)
  • 230 g di zucchero bruno (semolato, non in cristalli)
  • sultanina e uva passa:
    • 100 g di uvetta sultanina
    • 100 g di uva passa; se pensavate fossero la stessa cosa, vi sbagliavate, la sultanina è più piccola e bionda
  • 100 g di prugne fatte a pezzetti o - in alternativa - datteri secchi
  • 300 g di ribes
  • 25 g di scorze candite miste: compratele intere e sminuzzatele voi; non usate le scatoline di pezzetti colorati
  • 25 g di mandorle pelate ed affettate (anche di bustina)
  • 1 piccola mela, sbucciata, pulita e grattugiata
  • la scorza grattugiata di mezza arancia grande
  • la scorza grattugiata di mezzo limone grande
  • due uova, grandi
  • 150 ml di birra stout, la Guinness va benissimo
  • 2 cucchiai da tavola di quello che gli inglesi chiamano Muscat, che è a base di uva Moscato, ma è un vino speciale; il Moscato di Pantelleria va più che bene

preparazione

Mettiamoci subito il cuore in pace, per fare il Christmas Pudding ci vogliono due giorni! Usate un recipiente grande per mescolare gli ingredienti: cominciate da grasso di rognone, farina, briciole di pane, sale, spezie e zucchero; mescolateli bene e unitevi un po’ alla volta frutta secca, scorze e mandorle, poi la mela, la scorza grattugiata degli agrumi.

In un altro recipiente, più piccolo, mescolate moscato e birra, aggiungete le uova e battete bene con la frusta. Versate questa pastella sopra gli ingredienti del recipiente grande e mescolate il tutto con cura. La consistenza del composto dev’essere un po’ liquida, cioè deve staccarsi subito dal cucchiaio se lo battete contro il bordo del recipiente. Potete aggiungere un po’ di birra se necessario. Coprite e lasciate riposare al buio ed al fresco per tutta una notte. Gli ingredienti secchi potranno così assorbire il liquido.

Il giorno seguente mettete il tutto in una forma da pudding (tipo quelle per il budino, senza il buco in centro), dopo averne imburrato le pareti. Copritelo prima con della carta da forno e sopra con del foglio di alluminio; legate bene e cercate di fare anche una maniglia con lo spago. Va cotto a vapore: potete usare il pentolone della pasta o usare un colino metallico sopra una padella. L’acqua deve sobbollire per otto ore. Tenete sott’occhio il livello dell’acqua e se ce n’è troppo poca, aggiungetene di bollente. A fine cottura lasciate raffreddare il pudding togliete i fogli di copertura e mettetene di nuovi. Mantenetelo al buio ed al fresco fino al momento di mangiarlo. Per riscaldarlo, rimettetelo al vapore per due ore, due ore e mezza.

Servite con il burro al rum o versandovi sopra del brandy caldo, eventualmente fiammeggiandolo.

Burro al rum

  • 150 g di burro non salato
  • 150 g di zucchero bruno semolato
  • 6 cucchiai da tavola di rum scuro (quelli affinati in bottidi legno)

Mescolate insieme burro e zucchero fino a che lo zucchero sia completamente sciolto (non si deve più sentire lo scricchilio sotto il cucchiaio), aggiungete lentamente il rum, continuando a mescolare; mettete il burro in delle formine e tenetelo in frigo fino al momento di servire.

Vi sembra una ricetta impossibile? È complessa, ma non difficile, diciamo che ci vuole pazienza.

Questo articolo è stato originalmente pubblicato su oliopepesale.com, primo portale in Italia di gastronomia, con guida ai ristoranti, pubblicazioni dell'Accademia Italiana della Cucina e articoli di storia della cucina, ricette, alimentazione. Assaporami ringrazia gli autori per la disponibilità a pubblicare qui numerosi articoli del prezioso archivio.

cucina inglese

Rosemary﹠Thyme S.r.l. - P.IVA IT09427620969

CC BY-NC-SA 2016-2020 alcuni diritti riservati